Post Format

I 350 METRI CHE NON VOGLIAMO PERCORRERE

.

L’intero centro di Colleferro può essere racchiuso in un cerchio di soli 350 metri di raggio.

All’interno di questo cerchio trovano posto le vie principali del commercio (corso Filippo Turati, via Consolare Latina, viale XXV Aprile, via Francesco Petrarca), 3 scuole elementari e 2 scuole medie, un ufficio Postale, un ospedale e tanto altro. Tutto in un cerchio di soli 350m di raggio!

Le circonferenza di questo cerchio è praticamente tangente alle due circonvallazioni che abbracciano interamente la nostra città: la circonvallazione Fontana dell’Oste (EST) e la circonvallazione Bracchi (OVEST).

.

Immaginiamo ora due grandi parcheggi in corrispondenza dei punti di prossimità alle circonvallazioni. Essi costituirebbero i punti di accesso all’area di soli 350m di raggio in cui una circolazione pedonale e ciclabile potrebbe essere prevalente (non esclusiva!).

.

Uno dei due grandi parcheggi esiste già ed è quello della Piscina di Viale Europa. Normalmente utilizzato per feste, sagre, giostre e piste di pattinaggio, andrebbe invece semplicemente fatto usare per quello che è: un comodo parcheggio! Magari si potrebbe dotare di sbarre di accesso (proprio come nei centri commerciali ), telecamere di sorveglianza e potrebbe essere gratuito per soste fino alle 2 ore.

.

L’altro potrebbe essere invece realizzato sotterraneo al di sotto del campo di via Berni, invece di spendere soldi a realizzare un’altro parcheggio multi-piano a Piazza Italia, dove per risolvere i problemi basterebbe provare a reclamare parte del bel parcheggio alberato della ex-Snia.

Raggiungere corso Filippo Turati da ciascuno dei due parcheggi vorrebbe dire percorrere a piedi solo 350m passando rispettivamente per gli assi commerciali di via Petrarca e di viale XXV Aprile.

.

L’immagine di Colleferro, la qualità della vita, il commercio verrebbero stravolti in meglio se solo decidessimo di voler percorrere a piedi quei 350m!!! 

Si potrebbe per esempio arrivare dalla circonvallazione bracchi ed entrare nel parcheggio sotterraneo di via Berni da una porta tipo questa:

Parcheggio per accedere al centro del comune di Etten Leur - 41581 abitanti

ed uscire direttamente su via Petrarca attraverso delle rampe mobili esclusivamente pedonali tipo queste:

.

Il centro di Colleferro potrebbe avere questo aspetto:


.

Di un asse Petrarca-XXV Aprile prevalentemente pedonale beneficerebbero anche le vie limitrofe dove la circolazione pedonale prevalente darebbe possibilità di sviluppo a negozi e botteghe ora non apprezzati da potenziali clienti che girano in macchina.

La suddetta proposta avrà sicuramente un gran numero di falle tuttavia è nella direzione di un centro pedonale, ciclabile ed il più possibile libero dalle auto che  bisognerebbe almeno cominciare a pensare per creare sviluppo nel commercio, lavoro e migliorare la qualità della vita.

Il ritorno al doppio senso di circolazione su corso Garibaldi (di cui si parla in questi giorni) per iniettare altre auto in un centro già soffocato e soffocante per l’aria che si respira non sarebbe altro che uno degli ultimi atti ( per fortuna ) di una amministrazione impegnata ormai da troppo tempo a procurare la morte lenta alla nostra città.

7 commenti

  1. Francesca Ianni

    12/03/2013 @ 08:16

    Quante belle idee e quanto è affascinante pensare a una grande area pedonale… solo l’idea mi fa venire voglia di andare a fare na passeggiata! Poi mi ricordo che la realtà oggi a Colleferro è un’altra. ..e allora me ne vado all’outlet…eh eh! Mi chiedevo solo se invece di dur mega parcheggi, infiniti non luoghi, troppo grandi al confronto del piccolo centro, pensare a una serie di piccoli parcheggi lungo il perimetro che hai segnato…magari a tema…il parcheggio fotovoltaico… …il parcheggio verde…ecc…

    Rispondi
    • In effetti un paio di altre aree per piccoli parcheggi a ridosso o addirittura dentro l’area ci sarebbero. Una di queste potrebbe essere il cosiddetto campetto dei frati. Sarà utopistico ma un parcheggio sotterraneo anche lì, toglierebbe le auto in sosta (spesso anche in doppia fila) da via Consolare Latina, mantenendo il campetto in superficie a disposizione della parrocchia.

      Rispondi
  2. Interessante, veramente un’ottima idea, la cosa che notavo qualche settimana fa, mentre passeggiavo per Colleferro, da dove si trova la pompa di benzina della Q8 proseguendo verso il grattacielo, il corso era vuoto, in tutto saremmo state dieci persone a piedi, con la farmacia chiusa sembrava quasi irreale, la gente in macchina che proseguiva lentamente lungo Corso Turati invece era veramente troppa!

    Rispondi
    • Hai perfettamente fotografato la realtà, ma ad alcuni commercianti influenti sta bene così: il corso intasato di macchine (che non mi risulta possano fermarsi a guardare vetrine o a gettare l’occhio dentro un negozio) e 10 persone a piedi!

      Rispondi
  3. Decisamente un sogno ben realizzato….Un internalizzazione che invocherei ad altissima voce se solo ci fosse qualcuno in rado di ascoltarla e tradurla in realtà…Magnifico progetto e idea Paul tutto il mio appoggio.

    Rispondi

Lascia un commento

N.B.:La mail non viene pubblicata - Campi obbligatori*.